« Non lasciarti tentare dai campioni dell’infelicità,
della mutria cretina, della serietà ignorante. Sii allegro.
T’insegneranno a non splendere. E tu splendi, invece! »

Pier Paolo Pasolini

La FORMAZIONE BIOCENTRICA in sintesi

È adatta ad ogni contesto aziendale e organizzativo.

Migliora la qualità di vita (personale e professionale; fisica ed emozionale) dei partecipanti.

Contribuisce a diminuire il conflitto e sostiene l’integrazione del gruppo di lavoro.

Stimola collaborazione, creatività, vitalità, senso di appartenenza, piacere per ciò che si fa.

Si inserisce armoniosamente nei progetti di Corporate Social Responsibility
perché nutre la consapevolezza individuale, sociale ed ecologica dei collaboratori.

Si tratta di una formazione aumentata che si basa su tre pillar:


Il MOVIMENTO

Una successione di semplici esercizi progressivi. Non ci sono coreografie o passi prestabiliti, ma una solida metodologia che propone tre gruppi di esercizi: attivi adrenergici, armonizzanti, rilassanti.
Ogni partecipante è invitato a scoprire le proprie risorse, attraverso il piacere di muoversi e l’autoregolazione. Riscoprire le potenzialità espressive e la vitalità del corpo, agevola l’instaurarsi di nuove abitudini mentali ed emozionali, maggior benessere, consapevolezza e performance mentale e professionale.


La MUSICA

Alla parola si predilige il linguaggio del corpo e della musica che, per ogni esercizio, viene scelta in base a indicazioni semantiche tra diversi generi.
Si propongono musiche sia ritmiche, sia melodiche, scelte da un ricco catalogo di musiche organiche.


Il GRUPPO

I protagonisti dell’esperienza sono i partecipanti, che trovano le loro modalità di espressione e incontrano quelle degli altri, rispettando il feedback reciproco; questo porta ad un aumento della propria autostima e innesca un processo di cambiamento positivo, contribuendo all’integrazione del gruppo.
Le situazioni di incontro contribuiscono a modificare atteggiamenti consolidati e a migliorare la qualità delle relazioni umane e professionali.


Progetti

La Formazione Biocentrica costituisce un percorso autonomo.
Allo stesso tempo può fondersi con percorsi cognitivi di formazione o con altre metodologie esperienziali.
Può accogliere ogni necessità formativa.
Può soddisfare diversi obiettivi aziendali: benessere psico-fisico dei collaboratori, benefit o celebration day, necessità di un approccio consulenziale, esigenze formative specifiche, evento residenziale (appoggiandosi ad una agenzia di comprovata esperienza nell’organizzazione di eventi) ecc.

Formazione Biocentrica

La Formazione Biocentrica è una formazione esperienziale, che si pone a sostegno dell’attività aziendale attraverso la crescita personale e di gruppo.
Eventi ad-hoc, percorso periodico, seminari.
In presenza, online.


Eventi in collaborazione

Sei progetti a quattro mani.
Discipine che si fondono per una proposta formativa varia e unica, adattabile a tutte le esigenze.

Consulenza integrata

Una consulenza tradizionale per le PMI, con un professionista di esperienza e sensibilità. Arricchita dall’approccio formativo biocentrico, soprattutto nella risoluzione di tematiche relazionali e comunicative.


360°365

Una collaborazione più estesa nel tempo e nell’offerta.
Un budget unico per un portafoglio ricco di interventi formativi diversi e modulabili, a cui attingere in base all’evoluzione delle esigenze, alla diversità della popolazione aziendale, alla molteplicità delle sedi di lavoro.

Da un confronto internazionale IBFed International Biodanza Federation, nel corso del 2020 è nata una specifica metodologia,
che permette la realizzazione di sessioni in presenza in sicurezza.
Sebbene la presenza rappresenti una modalità preziosa e insostituibile,
è comunque utilizzabile la modalità di interazione a distanza attraverso le piattaforme digitali.

La Formazione Biocentrica propone un approccio innovativo ed efficace

per necessità straordinarie come: post-crisis, back-to-office, fusioni, riorganizzazioni, integrazione di nuovi team, motivazione, difficoltà relazionali, team working, inclusion di nuovi assunti, accompagnamento al licenziamento ecc.

a sostegno di ogni idea formativa per rinforzare l’identità dell’Organizzazione, la condivisione e la motivazione, e la moltiplicazione delle opportunità di sviluppo, trasformando le criticità in occasioni di crescita. La capacità relazionale e le diverse intelligenze (emotiva e affettiva in primis) come skills distintive e potenziali fattori di successo.

in un’accezione ampia di wellbeing, che parte dall’assunto (dimostrato dalle scienze ma spesso sottovalutato) che una persona più felice vive meglio anche il suo ruolo professionale, innescando un circolo virtuoso che si traduce in un contributo di qualità, anche in termini di produttività e innovazione.
Emozioni positive, solidarietà, impulso vitale, stimolo creativo, relazioni sane, senso di appartenenza diventano obiettivi del percorso formativo e meta-competenze raggiungibili.

I progetti si rivolgono a tutti i lavoratori di uffici, stabilimenti, magazzini e anche agli smart-worker.
La metodologia è progressiva e attenta verso ogni partecipante,
soprattutto nei confronti delle persone più timide, scettiche o con poca propensione al movimento e allo sport.
Non si richiede alcuna abilità particolare all’attività fisica.
Non esiste alcun fattore escludente.
Si impara a sospendere il giudizio verso se stessi e verso gli altri.
Non ci sono limiti sul numero massimo dei partecipanti,
se non quelli posti dallo spazio in cui si svolgerà l’attività.
Ogni progetto è unico, creato in base a valori e obiettivi aziendali.
Le modalità, i tempi, gli obiettivi verranno condivisi e personalizzati in base alle esigenze di ogni Cliente.
La location potrà essere interna all’Azienda oppure esterna.
La location esterna aiuta a staccarsi più facilmente dal contesto lavorativo e di godere delle possibilità di outdoor.
Alcune possibilità:
Certosa 1515 (Avigliana, Torino),
Il Centro Olistico (Busto Arsizio, Varese),
Studio Olistico Leopardi (Milano centro),
Tenuta Roverbella (Pantigliate, Milano),
Villa Pepe (Tivoli, Roma).
Ecoresort Le Sirenè (Gallipoli, Lecce).

REASON WHY

L’Azienda è un sistema sociale complesso e articolato.
In un corso universitario di Stanford la si rappresenta come un albero, il cui tronco è il business model; i rami, i risultati di esercizio; la fronda, il marketing; i frutti, i profitti e benefici sociali. In questo modello le radici e il terreno sono rispettivamente il life design e la spiritualità.
Spiritualità. Sì, questa parola entra ora anche nelle Organizzazioni ma, se proprio il termine infastidisce, lo si può tradurre con i concetti di values & mission, welfare, stile di leadership, senso di appartenenza, relazioni umane e altro ancora.
In questa visione più olistica le persone sono il fattore decisivo per il successo dell’attività.


Si è inoltre concordi nel vedere nell’Azienda uno dei principali ambienti in cui l’essere umano evolve, attraverso l’espressione della sua specificità e dei potenziali personali e professionali, in una continua interazione multi-direzionale verso l’ambiente e verso gli altri.
L’attuale situazione globale ha accelerato i cambiamenti, creato nuove tendenze, messo in evidenza numerose problematiche.
Ad esempio lo smart-working che, se da un lato offre una serie di vantaggi, dall’altro impoverisce la qualità delle relazioni umane, smorza la creatività e aumenta lo stress.
Inoltre paura e sfiducia sono purtroppo emozioni diffuse.

Ecco quindi che il benessere del singolo e del gruppo diventano la base per il benessere dell’Azienda.
Studi di tipo psicologico e rapporti sulla profittabilità delle imprese dimostrano che il maggior benessere dell’individuo genera un equilibrio ottimale, che ne migliora performance e rendimento anche sul posto di lavoro.

Il benessere della persona nella sua accezione più ampia è influenzato da diversi elementi tra cui salute mentale e fisica, ambiente di lavoro sereno, crescita professionale, sano balance work-life, stabilità finanziaria.
Un programma aziendale di benessere e formazione aumentata affronta tutti questi elementi.

Keith Haring